COME MUOVERSI CON GLI INCENTIVI BONUS 110%


Nel Decreto Rilancio, tra le norme messe in campo per il rilancio dell’economia post pandemia, ci sono gli incentivi per l’Ecobonus e il Sismabonus. Queste due misure sono state aumentate fino al 110 per cento dei lavori effettuati. Il Governo attraverso queste agevolazioni punta a far riprendere i consumi e mettere in sicurezza il patrimonio immobiliare.

Il contribuente che effettua i lavori in alcuni casi può coprire l’intero costo dell’intervento più il 10%. Come si potranno effettuare i lavori a costo zero? Attraverso lo sconto in fattura, cedendo il credito all’azienda che effettua i lavori, ad un istituto bancario o assicurazione. In alternativa si può scontare il 110% come credito di imposta con importi fissi scaglionati su più anni.

I lavori di riqualificazione non sono tutti uguali e non tutti sono compresi negli incentivi. E’ previsto l’obbligatorietà di partire da 1 o più interventi trainanti ( che descriviamo sotto). I lavori si possono effettuare sulla prima casa e sulla seconda non unifamiliare, ovvero in condominio ma anche queste definizioni dovranno essere chiarite dai decreti attuativi. Il primo passo per sapere se i lavori che si effettueranno in casa porteranno al superbonus del 110% è quello di fare un’analisi preliminare della classe energetica dell’immobile e progettare una strategia di interventi (sTUDIO DI fATTIBILITà). Una volta che si conosce la classe si può passare a pensare a quali lavori effettuare per migliorare l’abitazione.


1 visualizzazione

Copyright 2020/2021 by Studio Legale Piccioni & Ricci - P. IVA 01532410675

Ogni riproduzione anche parziale di immagini e contenuti non autorizzata è assolutamente vietata.

  • Facebook
  • Twitter
  • Instagram